le peonie erbacee

Peonie erbacee

Le peonie erbacee, già descritte nella mitologia greca, sono utilizzate nei giardini italiani da secoli. In Europa sono presenti allo stato spontaneo molte specie; alcune di queste, incrociate fra loro o con specie asiatiche, hanno dato origine a innumerevoli ibridi.

Nelle peonie erbacee la parte aerea secca completamente durante l’inverno; i ricacci primaverili partono direttamente da una ‘corona’ di gemme poste intorno al colletto delle radici, pochi centimetri sottoterra. Le radici carnose, che rappresentano il serbatoio di accumulo delle sostanze di riserva permettono alla pianta di superare la stagione fredda senza danni; le peonie erbacee quindi sviluppano tutti gli anni numerosi fusti che portano le foglie e sulla sommità i bottoni florali.
Il cespo di peonie erbacee, al pari di tutte le piante erbacee perenni, si accresce orizzontalmente, restando però nel corso degli anni sempre della stessa altezza.

Visualizza le peonie erbacee

Per comodità abbiamo diviso le peonie erbacee in quattro gruppi:

P. lactiflora a Fiore Doppio e 'Bomb' o a Corona

Appartengono a questo gruppo le peonie tradizionalmente coltivate nei nostri giardini e comunemente chiamate peonie cinesi. Una caratteristica che abbiamo attentamente selezionato nelle varietà da proporre è la robustezza dello stelo florale, infatti, le varietà di questo gruppo che non la presentano, tendono spesso a piegarsi sotto il peso dei fiori.

Ibridi Erbacei

Questi ibridi derivano da incroci fra peonie erbacee appartenenti a specie diverse.
La maggior parte di essi sono incroci fra la P. lactiflora, di origine cinese, con specie di origine europea. Le caratteristiche principali di queste piante sono il buon vigore, le inusuali e spettacolari tonalità di colore dei fiori e, nella maggior parte dei casi l’assenza di boccioli secondari.
Sovente questi ibridi hanno fiori molto grandi, sempre ben sostenuti da steli robusti e si sviluppano e fioriscono più precocemente delle varietà di P. lactiflora.

Specie Botaniche Diverse e Loro Varietà

Le peonie botaniche e le loro antiche varietà sono le progenitrici delle oltre 3000 varietà e ibridi che oggi conosciamo; sono piante meno appariscenti delle loro discendenti ma di grande raffinatezza e bellezza. Sono anche molto rustiche e resistenti nelle loro zone di origine ma, proprio per questo motivo, la loro coltivazione è in genere più difficile di quella delle varietà moderne che hanno invece ampia adattabilità alle diverse situazioni climatiche.
I fiori sono sempre semplici, con colori che variano dal bianco puro, al giallo e al rosso puro, passando per tutte le tonalità del rosa. Soltanto tre specie: Paeonia lactiflora, emodi e veitcii , hanno la caratteristica di formare boccioli secondari e questa è stata trasmessa alla loro progenie.
La durata dei fiori delle botaniche è più breve di quella delle varietà moderne ma esse sono molto importanti perchè ci permettono, a causa della loro precocità, di estendere il periodo di fioritura.

P. lactiflora a Fiore Semplice e ad Anemone

In questo gruppo sono tradizionalmente raccolte tutte le varietà di P. lactiflora a fiore semplice ed anche quelle in cui la selezione genetica ha portato alla scomparsa parziale o totale degli stami, trasformati in petaloidi o staminodi; queste ultime vengono comunemente chiamate giapponesi o con fiore ad anemone.